Di che colore è lo stupro?

Anche chi stupra è una BESTIA infame, a prescindere da ogni cosa.
Leggo poi che la “bestia” di Rimini ha la TBC.
Continuo a ripetere, giusto aiutare, giusto ospitare, ma vogliamo CONTROLLARE?
La TBC è contagiosa signori esperti? 
Poi è normale che la idiota strumentalizzazione politica e dei vari tuttologi sparsi ovunque, trova terreno fertile (senza risolvere alcun problema ovviamente)
Infine mi indigno (per non cadere in blasfemia) quando vengo a sapere che sempre la citata “bestia” è stata trasferita dal carcere di Rimini a quello di Pesaro, nella sezione dei sex offender, un reparto protetto e speciale previsto a Villa Fastiggi dove si tentano dei percorsi di recupero per chi commette gravi reati a sfondo sessuale.
Ma siamo matti?

Stupro

2503861_1912_uomini_stupro

A me questa parola fa veramente schifo. Si solo la parola. Non sapevo che alle donne piace essere stuprate. Vorrei chiederlo a DONNE che sono state vittime di violenza non certamente a coloro che escono fuori solo l’8 marzo per manifestare a favore comunque di giuste cause e diritti femminili. A proposito dove sono adesso?

Io comunque rimango convinto delle mie personali opinioni.
1.   La violenza su una donna non ha partito ne colore e va punita assolutamente in modo esemplare.
2. Questa politica spesso è più violenta dei fatti accaduti, perchè è complice in quanto permette che avvengano.

Per quanto accaduto a Rimini mi aspetterei pure una presa di posizione da parte della comunità Islamica che frequenta quel tizio abitualmente, si quello che ammette che poi la donna si calma.

Immobilismo

Un Bimbo ha appena urlato
“Coglione”al Padre
e Lui ha continuato, impassibile,
a parlare al Telefono.

Mi sa che il Bimbo ha ragione.

In questo paese si permette TUTTO (e non solo ai figli)
In questo paese si preferisce NON INTERVENIRE per non complicarsi la vita.
In questo paese non si applicano le leggi (oddio forse nei confronti di qualche sfortunato disgraziato sì).
Che faccio continuo?…..E poi ci meravigliamo se……

immobilismo-450x234

Mio figlio fa il politico a Roma

Vedo che anche ieri a Montecitorio si son picchiati, le solite sceneggiate pecorecce che personalmente non mi meravigliano più. Il ruolo del politico dovrebbe essere una cosa delicata e seria pari al lavoro di un luminare che opera al cuore ed un luminare del genere ha etica, preparazione, competenza, rigore. I nostri politici invece han fatto si che se uno adesso al bar dicesse “mio figlio fa il politico a Roma” si creerebbe un momento d’imbarazzo generale, qualche cornetto rimarrebbe a mezz’aria ed a qualcuno gli verrebbe spontanea una battuta così che il tutto si risolverebbe con una grassa risata. [L.Pieraccioni facebook]

Davvero un deprimente spettacolo, e non sarà l’ultimo. Impossibile non condividere

Potrei uccidere?

stella

Potrei arrivare ad uccidere? Forse si, se fossi il genitore di questa bambina o di altre persone che hanno subito una simile ingiustizia. Ingiustizia per una tragedia causata da folli. Ingiustizia causata da uno stato che parla parla ma non cambia una legge sciagurata, che permette a chi guida senza patente, ubriaco e drogato di farla sempre franca. Qualche anno di galera forse. Guardo negli occhi questa bambina. Potrei arrivare ad uccidere? Si.