L’Italia

Noi siamo un paese senza memoria. Il che equivale a dire senza storia. L’Italia rimuove il suo passato prossimo, lo perde nell’oblio dell’etere televisivo, ne tiene solo i ricordi, i frammenti che potrebbero farle comodo per le sue contorsioni, per le sue conversioni. Ma l’Italia è un paese circolare, gattopardesco, in cui tutto cambia per restare com’è. In cui tutto scorre per non passare davvero. Se l’Italia avesse cura della sua storia, della sua memoria, si accorgerebbe che i regimi non nascono dal nulla, sono il portato di veleni antichi, di metastasi invincibili, imparerebbe che questo Paese speciale nel vivere alla grande, ma con le pezze al culo, che i suoi vizi sono ciclici, si ripetono incarnati da uomini diversi con lo stesso cinismo, la medesima indifferenza per l’etica, con l’identica allergia alla coerenza, a una tensione morale. 

Pier Paolo Pasolini. Scritti corsari anno 1975

Scuola e genitori

I presidi potranno avere più potere sugli insegnanti quando gli insegnanti potranno avere più potere sui genitori.

L’ho letta da qualche parte, e pur essendo genitore di un figlio che sta per dare l’esame di terza media, dico che un fondo di verità in questa frase c’è. Eccome. Stamani in attesa per un colloquio con la prof di Storia e Geografia ne ho avuto conferma ascoltando alcune esternazioni di mamme.

Stipendi e sentimenti

1430576027-aperturapolizia

Quanto guadagna al mese questa persona?

Vorrei dire tante cose,come i miei ideali di giustizia, libertà, democrazia da sempre custoditi dentro di me, si stanno lentamente trasformando lasciando il posto a stati d’animo mai provati.

Eppure il nostro mondo sarebbe così bello da vivere e condividere

Amore

Tante volte ho pensato che amare una persona è difficile, complicato quasi impossibile. Poi arriva l’esempio che ti stavolge in tutto e per tutto.

Torino: Lei, 87 anni, muore per un incendio. Il marito, 81enne, si chiude in casa per lasciarsi morire insieme a lei.