Pagare l’aria che respiriamo

26166155_877038919130488_4850383485237602446_n

E così, tra i tanti rincari che puntualmente giungono ad inizio di ogni anno, c’è pure la novità (costosa per le famiglie ovviamente) dei sacchetti della frutta e verdura, della spesa in generale. Il fine della normativa è senza dubbio nobile: favorire l’utilizzo quotidiano di prodotti biodegradabili e compostabili e al contempo ridurre quello della plastica. Ma alla fine si traduce in un nuovo “balzello” per il cittadino.

Sinceramente mi verrebbe voglia di andare al supermercato, comprare un kg di arance, pesarle singolarmente e apporre a ciascuna di esse il bollino. Ma credo che “democraticamente” abbiano inserito nella legge l’obbligo del sacchetto, nuovo, guai a riutilizzarne uno, l’igiene, e che diamine!

70 anni di Costituzione

110220-232300to300604int0013

Il 27 dicembre di 70 anni fa, il presidente della repubblica Enrico De Nicola firma la costituzione italiana alla presenza di Alcide De Gasperi e Umberto Terracini.

La costituzione che oggi compie 70 anni ha come obbiettivo il progresso materiale e spirituale della società fondato sul pieno sviluppo della persona umana.
Bisognerebbe che la politica italiana, i governi, mettessero ogni giorno l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse.
E’ bella la mostra Costituzione, quanto disattesa.
Una bella signora ormai anziana, che vive in due Camere con più di 900 scrocconi a suo (nostro) carico.

Thomas Sankara

hope_is_not_dead

“Parlo a nome di un Paese che ha deciso, d’ora in avanti, di affermare se stesso. Parlo di un Paese che ha deciso di non veder morire 7 milioni di bambini di ignoranza, fame e sete.  Oggi non parlo a nome soltanto del mio Burkina Faso tanto amato, ma parlo anche a nome di tutti gli ultimi, che vivono in un sistema ingiusto e strutturalmente in crisi, ultimi che sono ridotti a percepire la vita solo come un riflesso dei più abbienti. Parlo a nome delle mamme che vedono morire i loro figli di diarrea o di malaria, e che ignorano che esistono mezzi semplici per salvarli, che però la scienza delle multinazionali non offre loro preferendo piuttosto investire nella chirurgia estetica a beneficio di pochi il cui fascino è minacciato dagli eccessi di calorie nei loro pasti, che sono così abbondanti da dare le vertigini a noi che viviamo ai piedi del deserto senza sapere se sopravviveremo agli stenti per un giorno in più”

(Discorso all’ONU del 4 ottobre 1984)

Esattamente 30 anni fa, il 15 ottobre del 1987, a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, il presidente Thomas Sankara veniva assassinato.

Cesare Battisti

Il proletario, armato e assassino perchè secondo lui era in guerra. Oddio forse è meglio dire EX per quanto riguarda l’armato e soprattutto proletario.
Comunque l’hanno beccato mentre cercava di fuggire fuori dal Brasile.
Come se non ce ne fosse abbastanza di preoccupazioni in Italia anche relativi a sporchi vili assassini, si torna a parlare di Battisti, perchè lo vogliamo giudicare a tutti i costi a casa nostra.
Senti Cesarino fai una cosa, tornatene in Italia, fatti condannare all’ergastolo e poi come fan quasi tutti, durante una licenza premio te ne riscappi via.

Magie

Stavo riflettendo su alcuni fatti di questi ultimi giorni.

Violenza sulle donne: le femministe sono sparite.Sacrificio sugli animali: gli animalisti sono spariti.

Booh… che magia è?