Dalla parte del toro (sempre)


toro_08_672-458_resize

Proprio nel periodo in cui si discute se abolire del tutto la corrida (la Catalogna lo ha già fatto) capita un incidente drammatico. Un toro e’ riuscito a saltare sugli spalti dell’arena e ha ferito una quarantina di spettatori che stavano assistendo alla corrida.
Non mi rallegro certamente per il ferimento delle persone, soprattutto in considerazione del fatto che tra i più gravi (ma non i pericolo di vita) c’è pure un bambino.
Penso però a quel povero toro, che come sempre viene puntualmente, meticolosamente torturato. Punte, lance. Il tutto condito dallo sguardo consenziente e divertito del pubblico in attesa poi del colpo finale, sanguinario, quello mortale.
Immedesimiamoci un attimo in quel toro. Diciamo la verità. Quante volte  vorremmo saltare le barriere per prenderci una giusta vendetta magari dopo aver colpito pure i toreri?
Alla fine il toro ribelle è stato abbattuto non appena immobilizzato.

8 pensieri su “Dalla parte del toro (sempre)

  1. Ce la prendiamo sempre col toro, vero…? E con quello sciagurato genitore che ha portato sugli spalti a vedere un simile spettacolo un bambino piccolo?

  2. @ Magister – Poco tempo fa ho avuto una conversazione sulla Corrida con un amico, sposato con una gentil donna spagnola il cui padre è stato torero professionista, a Barcellona. Tradizione, cultura. Sono cose mi spiegava che vanno altre il semplice (orrido) spettacolo a cui il turista vuole assistere durante la corrida.
    Credo si possa quindi riassumere che io genitore italiano posso essere veramente giudicato sciaguratoma per loro, gente di corrida, è naturale portare anche un piccolo bambino ad assistere al macello.

  3. gli italiani devono solo star zitti. Quello che hanno fatto ad Eluana Englaro (è solo un esempio)è peggio di tutte le corride del mondo

  4. Ho capito!
    Con la scusa della tradizione e della cultura si deve fare un vero e proprio federalismo lasciando il Palio a Siena (anche i cavalli dopati fan parte della cultura…), San Firmino a Pamplona… senza impicciarsi?

    Riguardo a Eluana Englaro si sono versati fiumi d’inchiostro… ma per imparare a rispettare la Vita (V maiuscola) come massima espressione umana, si cominci dalle piccole cose come evitare inutili macelli o sofferenze agli altri esseri viventi cosiddetti “minori”.

  5. @ Magister – Il problema in effetti che i senesi hanno certi occhi e ragionamenti, come del resto tutti gli altri dove per tradizione avvengono queste mattanze o gare.
    Noi che viviamo al di fuori vediamo le cose sotto altri aspetti e punti di vista. Ha visto le accuse del Palio di Siena contro il gioco della Sony (Go Kart in pista in quel di Siena?)
    Su Eluana Englaro mi sono tenuto dentro all’epoca quel che pensavo e continuo a farlo

  6. La corrida è uno “spettacolo” impietoso; mostra tutta la crudeltà che nasce dalla superbia dell’uomo.
    Il toro, in quel frangente, aveva dimostrato forza e coraggio, avrebbe dovuto essere graziato.
    Un saluto.

  7. @MrLoto – Graziare il toro? Credo sia impossibile. Non penso esista una simile possibilità per il povero animale.
    @Magister – Brutta ferita davvero per il torero, anche se cercata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...