Perchè sempre dopo?


olimpiadi

La tragedia è stata provocata da un errore dell’atleta, che non è riuscito a correggere la traiettoria ed ha perso il controllo dell’attrezzo nella fatale curva 16. La versione ufficiale, però, cozza con alcune dichiarazioni del tedesco Jospeh Fendt, presidente della Fil. «La pista è troppo veloce -riporta il quotidiano britannico Daily Telegraph -. Avevamo pianificato che la velocità massima fosse di 137 km orari. Invece, è superiore di quasi 20 km. Pensiamo che ci sia un errore di progettazione». Dopo il dramma, per evitare un nuovo episodio «così eccezionale» sono state alzate le protezioni ed è stato modificato il profilo del ghiaccio. (corriere.it)

Un pensiero su “Perchè sempre dopo?

  1. Come in ogni lavoro di questa terra c’è la possibilità di progettare sistemi per la sicurezza passiva adeguati.
    Poi c’è chi se ne sbatte le palle di tutto se non del proprio ego e dei propri guadagni…
    In questo caso credo che gli errori di progettazione siano stati evidenti, dei pali di acciaio senza protezione alcuna all’uscita di una curva così veloce valgono veramente una accusa di omicidio colposo.
    Il mondo non si può e non si deve fermare ma il mio stomaco…quello si che si può rivoltare.
    Bleah…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...