Influenza A. Serve trasparenza


Forse se avessi 20 anni di meno, fossi single e senza figlio, continuerei a godermi queste ultime ore di vacanza fregandomene di tutto e di tutti. Ma purtroppo non è così e soprattutto per il sofferto avvio dela mia stupenda esperienza di padre (circa otto anni fa), mi  trovo spesso a ragionare su questa nuova influenza A. Cerco di seguire le informazioni che arrivano un pò con il contagocce. Altre erano le notizie di cui parlare nel periodo di vacanza. Noto una certa tendenza a ridimensionare anche se vedo troppe differenze di opinioni. In precedenza abbiamo assistito anche a speculazioni economiche da parte di certe industrie farmaceutiche che hanno fatto leva su titoli catastrofici creati a misura per incassare milioni e milioni di euro/dollari. Questo nuovo virus non pare sia certo ma potrebbe essere suscettibile a mutazioni. Questa volta, a differenza dell’aviaria vedo un programma di vaccinacione, anche per i dipendenti Telecom ed Enel (non obligatorio), del personale medico sanitario. E i casi accertati sono già ben superiori alla precedente tanto temuta influenza. Insomma la situazione mi sembra un pò diversa adesso. Leggo oggi di un caso grave in Italia, un ragazzo di 24 anni. Nello stesso articolo che l’Organizzazione mondiale della Sanità ha avvertito che per l’autunno è previsto l’arrivo di un nuovo ceppo più aggressivo del precedente e che una persona su tre potrà essere colpita. La domanda che mi viene subito in mente è se allora il vaccino su cui stiamo lavorando da tempo prevede questa nuova aggressività. Mi preoccupo troppo o troppo poco? Insomma sarebbe ora di fare chiarezza di garantire maggiore trasparenza.

4 pensieri su “Influenza A. Serve trasparenza

  1. Come per l’aviaria spenderemo quella vagonata di milioni di Euro per i vaccini, li daremo a qualche multinazionale del farmaco riconoscente e poi, come d’incanto, una volta fatta la spesa il virus sparirà!
    Ne sono certo, la storia si ripete e con essa le bufale.

  2. @ Chit – da una parte spero sia così, anche se fare una simile speculazione per me è un reato che andrebbe duramente perseguitato. Ma ho il presentimento, ed è lo stesso del mio medico curante e dello stesso pediatra di mio figlio che questa volta il virus c’è. Se invece manca qualcosa mi pare sia l’organizzazione e un sano buon senso

  3. Io sono d’accordo con Chit, ogni anno esce fuori un nuovo virus che puntualmente poi finisce nel dimenticatoio, dopo aver creato il panico ovviamente…
    La settimana prossima parto per Londra, dove si prevedono per questo autunno non so quanti contagiati…Beh vedremo, ma io sono completamente tranquilla 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...