Archivi categoria: (strettamente) personale

Clash of Clans

clashofclanshack

Non ho mai fatto caso a tutti i giochi di ruolo che anche sui social ti propinano. Anzi, non li ho proprio mai sopportati. Poi un giorno è successo che mio figlio mi ha fatto vedere uno di questi. Sul suo iPad aveva installato la app di Clash of Clans un gioco dove si costruisce un villaggio, che va difeso con guerrieri tipo arceri, draghi ed altro al fine di raggiungere un numero elevato di trofei. Poi mi ha prima chiesto e poi convinto a costruire sul mio tablet il mio villaggio. Avremmo potuto darci una mano e avremmo avuto un gioco in comune. Sarà stupido ma questo giochino mi ha “intrippato” e da circa un mese, qualche minuto e qualche parola la dedichiamo ai nostri sviluppi di costruttori, strateghi e guerrieri.

Pensavo a quanti soldi si possono fare con trappole di questo genere. Altro esempio quello delle caramelle, ruzzle, o altri. Ideatori e sviluppatori che sicuramente, grazie alle loro capacità di ideazione e realizzazione intascano parecchi soldi facendoci “intrippare” e coinvolgere in simili passatempi.
Notizia di oggi, quella di un ragazzo italiano, Gabriele, 19 anni, che pare abbia scoperto anche lui il sistema di far cassa con questi open source.
Il suo puzzle game è stato giocato in tre settimane da 9 milioni di persone, dagli Usa alla Cina e sta ricevendo numerosissime offerte di lavoro.

Auto o moto?

windowslivewriter500-6afiat500-1957a1.jpg

Ieri sera dopo una lunga giornata di lavoro mi sono fermato per il solito “spritz time”. Scambiando due parole con il barman, questo mi dice che è in trattativa per acquistare una vecchia “500″. Caspita la mia prima auto. Cinquecentomila lire, usata, proprietario il mio meccanico, quindi affidabile di motore iper garantito (tra l’altro cc 595). E tra una patatina e l’altra e un sorso di aperitivo riappaiono lontani ricordi. Tettino apribile, spruzzino a pompetta, stereo a slitta, attenzione: sedili ribaltabili!!!. Se penso a quanti tubi di cartone per il riscaldamento (motore) ho dovuto cambiare….Perchè una volta c’era l’auto, parcheggiata nel porto o vicino alla pineta. Vetri appannati e…….tubi di cartone da sostituire perchè schiacciati. Bei ricordi. Gite in 4 a 100 kmh in autostrada e un casino di rumore dove a volte era quasi difficile scambiare parola. 500 lire al litro il prezzo della benzina. La mia 500 targata LU 85mila e qualcosa. Magari riaverla adesso!

Poi vengo a casa e dopo cena, sulla rivista che arriva in abbonamento leggo di questo coso, metà macchina e metà moto. Un veicolo elettrico a due ruote che non cade mai, a prova di incidente. Caspita, sono davvero invecchiato.\

Pubblicità Mc

mcd clicca sulla foto per ingrandirla

Scattata ieri e ritoccata al volo (tutto con iPhone) a Fornacette (Pisa) durante pausa lavoro. Si tratta di un cartello pubblicitario di nota azienda che tra l’altro mi aveva visto seduto ad un suo tavolo poco tempo prima. Struttura installata dall’azienda per cui lavoro.

Scuola guida

Oggi giretto in macchina per spese varie (non sono ancora finite), e per strada ho trovato di tutto. Sorvolo sui ciclisti che vogliono smaltire il grassetto accumulato. Certo però se si mettono a ventaglio sul viale a mare a raccontarsi pranzi, cene, bevute….Sorvolo sulle persone anziane (mio padre da buon 88enne ha fatto salti mortali quest’anno per il rinnovo della patente) che si mettono un colpo qui e l’altro là. Sorvolo sulle signore che giustamente dopo il Natale passato in famiglia, si rifanno il trucco in auto per sospirati appuntamenti fuori casa. E sorvolo sulla pattuglia dei Carabinieri che oggi si son divertiti (30 km/h) a creare un lungo trenino che nessuno voleva o poteva modificare.

Insomma una volta si diceva:”Guidi a cane!”

Gaslini

Ogni volta che esco dal cencello di questo Ospedale Pediatrico penso quante persone vorrei portarvi per fare un giretto nei vari reparti. Forse molte cambierebbero.

“I Bambini di ieri sono diventati grandi, i bambini di oggi sono il futuro di domani, aiutiamoli a crescere, aiutiamoli a vivere! Da 75 anni questo è l’obiettivo dell’Istituto Giannina Gaslini”.

Vogliamo dare una mano? [qui]